La bellissima e celebre poesia di Totò, “’A Livella” è un vero capolavoro della  letteratura napoletana del secolo scorso, sia per la semplicità di colloquio dei protagonisti, sia per il suo contenuto di particolare profondità.toto1

Il tema di fondo dell’intera poesia è quello della morte., in merito alla quale Totò afferma che essendo tutti uguali, ricchi e poveri, e non essendo nessuno di noi immortale, ci attenderà il medesimo “livello” conclusivo: la dissoluzione in cenere.

La morte, tuttavia, non fa paura ed è anzi descritta in modo umoristico, di sapore agro-dolce, nel tentativo di sdrammatizzare l’evento finale e di renderlo apprezzabile al lettore, riuscendo nel contempo a trasmettere il messaggio in essa racchiuso: cioè, di servirsi della morte per esaltare la vita.

y1psh1j6jbordij-sejtdf8gjat-dzl_imkvtjfso_sexdorilt0piqdnpef7fvgid-okkqiy1dagi

  

 

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘n’avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘n’ato è tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!! 
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino, che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

Antonio De Curtis                         toto

nomi105 

 

 

Breve nota di Rosaria

In qualità di napoletana, mi ero posta inizialmente  il problema della comprensione del testo, ma  penso che, essendo  questa poesia   abbastanza conosciuta e comprensibile, non  sia il caso di precisarne nè la trama, nè la traduzione.

Essa è scritta in dialetto napoletano, ma è comprensibile anche da chi ha poca confidenza con tale parlata. La traduzione letterale in italiano  diminuirebbe l’impatto della poesia che può essere fruita in tutta la sua carica emotiva solo nella versione originale. 

E per chi  dovesse trovare  difficoltosa  la lettura del testo, c’è  a disposizione anche la versione audio-video per l’ascolto.

Grazie, Giovanna, e scusa la mia intromissione!!!

Immagine anteprima YouTube

 

 

 

8 Commenti a ““‘A LIVELLA” di Totò con introduzione di Giovanna3.rm (pubblicata da Rosaria)”

  1. Mary. scrive:

    Silvia sei grandiosa DavverO!!!!
    Hai solo 8 anni e già sai scrivere al computer
    e leggere tutta la poesia di Antonio de Curtis (Totò)..
    Sono rimasta a bocca aperta quando ho visto il tuo
    commento!!!!

  2. rosaria3,na scrive:

    Silvia, sei stata bravissima ad interpretare il senso della grande poesia di Toto’, anzi, visto che sei cosi’ sveglia x i tuoi 8 anni, voglio aggiungerti una cosa: LA LIVELLA è uno strumento di misura che serve a stabilire l’inclinazione di un dato elemento rispetto ad un piano orizzontale o verticale. Forse x te il concetto è un po’ difficile, ma sappi che comunque è uno strumento che serve a misurare. Da qui l’origine del titolo di questa poesia. Ciao e grazie x aver commentato.

  3. Silvia_01 scrive:

    Questa poesia ha un significato che fa ragionare,la gente, sul fatto che anche se nel corso della vita se si è poveri o ricchi quando arriva il momento di morire la quantità di denaro non conta. Tutti siamo uguali e la ricchezza o povertà è il concetto che dovrebbe essere meno considerato nella vita perciò,come anni fa Antonio De Curtis (Totò) testimoniò, la morte è una livella.Quando ho iniziato a leggere ,con attenzione,la poesia mi sono chiesta”ma come mai Totò chiamò questa lunga poesia Livella?” poi dopo aver appreso il significato di questa opera famosa ho capito che “Livella” viene da livello ,come per dire che tutta l’umanita sia in vita che in morte è TUTTa ALLO STESSO LIVELLO.Anni fa, al tempo di Antonio questo ragionamento non veniva considerato, ma adesso deve essere un fatto che l’uomo deve portare avanti,perchè ormai la gente bada soltanto ai soldi e a come si presenta davanti alla gente.In questo caso il marchese ha torto perchè non ha accolto il suo vicino di tomba .Insomma questo è il mio commento.Grazie. P.S.=Oh dimenticavo!Questa poesia è meravigliosa! Io ho 8 anni(me lo ha detto mia madre di scriverlo non è per vantarmi).

  4. rosaria3.na scrive:

    Aldo, grazie a te x averla riletta, ma il merito di aver voluto qui questa poesia non va a me, bensì a Giovanna3.rm che ne ha suggerito la pubblicazione e l’ha anche introdotta in maniera encomiabile. Io ho solo badato alla parte grafica. A volte mi trattengo dal mettere cose che riguardano Napoli e i suoi “Figli”, (anche se gia’ ormai ce ne sono diverse) xche’ sembrerei di parte, ma quando me ne danno l’occasione ne approfitto. Ciao e grazie.

  5. aldo.roma scrive:

    Ciao Rosaria, conoscevo questa poesia di Totò, ma la leggo e ascolto sempre volentieri ogni volta che ne ho occasione, è sempre un motivo per rilfettere. Grazie

  6. Giovanna3.rm scrive:

    Rosaria, le tue precisazioni sono dovute: la carica emotiva di questo capolavoro, l’impatto immediato che risalta da ogni parola perderebbe ogni suo significato, se fosse tradotta.
    Ti ringrazio.

  7. luciano3.RM scrive:

    Giovanna, la livella la conoscevo poco, dopo averla letta e riletta, la trovo Un testo di autentico valore poetico. Totò, grande non solo come attore ma anche come poeta ci sarebbe bisogno ancora del suo insegnamento! Della sua umanità! Della sua generosità! Un saluto.

  8. lorenzo.rm scrive:

    Al solito, un ottimo servizio, che vede stavolta la collaborazione di Giovanna e Rosaria.
    “A livella” ci rende tutti analoghi, il che è un bene in una società delle ingiustizie. Purtroppo ce ne dimentichiamo spesso e volentieri. E facciamo “le peggio cose” come dicono a Roma. Ma forse è naturale che sia così.
    Io, che volete, in Incontriamo imparo sempre qualcosa.
    Un abbraccio stritoloso a tutte e due.

Scrivi un commento